FANDOM


Emilie
Emiliecorpse
Il cadavere di Emilie
Altri nomi
-
Genere
Femminile
Età
35 - 45
Status
Deceduta
Apparizioni
Silent Hill: Orphan 3
Questo articolo riguarda il personaggio di Silent Hill: Orphan 3. Per il personaggio di Silent Hill: The Arcade, vedi Emilie Anderson.
Questo è il tuo destino... Fallo! Non abbiamo ancora molto tempo. Se non lo farai, altre persone saranno vittime di quest'inferno. FALLO!

- Alessa ad Emilie

Emilie è un personaggio di Silent Hill: Orphan 3. E' sopravvissuta al massacro dell'Orfanotrofio Sheppard poiché in quel periodo si trovava in un'altra struttura medica.

Silent Hill: Orphan 3

Emilie si risveglia nell'Otherworld di una magione abbandonata (che in seguito si scoprirà essere la casa dove viveva Karen) ma non ricorda come abbia fatto a giungere in quel posto. Improvvisamente sente una voce che le dice "devi salvarlo" e "sta morendo", e subito dopo viene attaccata da una creatura che popola la casa. Dopo la battaglia, Alessa le ordina di uccidere tutti i mostri che trova in giro, per poi ordinarle di ritornare nel mondo reale.

Una volta abbandonato l'Otherworld, Emilie si ritrova in una sala da pranzo in cui sente nuovamente la voce di Alessa. Durante la conversazione tra le due, Emilie sente il lamento di Vincent e chiede alla donna a chi appartenesse la voce. Ella risponde che è "dell'uomo che deve salvare" e viene istruita su come fare: dovrà suicidarsi utilizzando un pugnale sacro trovato precedentemente nella villa. Inizialmente, Emilie si rifiuta, ma Alessa le rivela che tutti i mostri che aveva ucciso erano stati creati da Karen utilizzando lo spirito dei bambini morti durante il massacro dell'orfanotrofio. Questi, quando sono stati uccisi, sono poi entrati nel corpo di Emilie che, suicidandosi, li libererebbe ed essi riporterebbero in vita Vincent. La donna si rifiuta ancora ma alla fine acconsente perché sa che altrimenti altre persone moriranno se lei non si sacrificherà.

Nella scena finale del gioco, Alessa spiega a Vincent che tutte le vittime del massacro dell'orfanotrofio non sono veramente morte, ma vivono ancora sottoforma di "spiriti dormienti". Per potersi risvegliare, Alessa ha bisogno che tutti gli orfani, inclusa Emilie, muoiano. Spiega quindi che Vincent è stato riportato in vita soltanto per poter uccidere Karen.

Curiosità

  • Nella scena in cui Emilie lascia l'Otherworld per giungere nel mondo reale, si può intuire che oltre ad Alessa, anche Emilie e gli altri orfani erano d'accordo per poter porre fine al loro incubo.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.