FANDOM


Karen
Karen
Karen in Silent Hill: Orphan 2
Altri nomi
-
Genere
Femminile
Età
40-50
Status
Deceduta
Apparizioni
Silent Hill: Orphan
Silent Hill: Orphan 2
Silent Hill: Orphan 3
No! Non ho mai voluto uccidere nessuno. E' stata colpa tua! Sei stata tu a farmi fare quelle cose terribili. Io non volevo!

- Karen ad Alessa

Karen è un personaggio che appare in Silent Hill: Orphan, Silent Hill: Orphan 2 e Silent Hill: Orphan 3. E' un'infermiera dell'Ospedale Brookhaven ed è sopravvissuta al massacro dell'Orfanotrofio Sheppard a Silent Hill.

Biografia

Karen viveva con i suoi genitori in una villa nei sobborghi di Silent Hill. Ad un certo punto, un piromane dà fuoco alla sua casa, provocando la morte dei genitori: è a questo punto che la piccola viene portata all'Orfanotrofio Sheppard.

Nella struttura, Karen viene maltrattata ed umiliata dagli altri orfani, così inizia a parlare col fantasma di Alessa, la sorella deceduta nell'incendio, promettendole di ripulire l'orfanotrofio da tutte le cose brutte e trovare un posto in cui stare finalmente insieme.

Per mantenere la promessa, Alessa fa in modo che Karen uccida tutti i bambini dell'orfanotrofio nei loro letti, e poi la fa fuggire cancellandole il ricordo di quest'evento. Tuttavia, Ben, Moon ed Emilie riescono a sopravvivere al massacro, e Karen cerca di ucciderli sempre tramite l'influsso della sorella, che è intrappolata sotto forma di mostro nell'Otherworld dell'orfanotrofio. Karen pensa che, uccidendo tutti gli orfani (inclusa sé stessa), lo spirito di Alessa potrà riposare in pace. Karen crescerà restando all'oscuro del massacro compiuto.

Silent Hill: Orphan

30 anni dopo il massacro dell'orfanotrofio, Karen si sveglia rinchiusa nel magazzino della struttura senza ricordare come abbia fatto a finire lì (in realtà è stata portata lì da Alessa). Dopo essere rimasta intrappolata per alcune ore, arriva Ben, un orfano sopravvissuto venuto ad investigare sul massacro, che dopo aver sentito le urla di Karen tramite il condotto di aerazione, decide di andarla a liberare. Tuttavia, l'uomo non riuscirà mai ad arrivare da lei.

Karen, che nel frattempo si era addormentata, si risveglia e trova la porta del magazzino aperta. Comincia a sentire la voce di qualcuno che si fa chiamare "Alessa" e che la guida tra i corridoi dell'orfanotrofio. Ella poi scopre che Ben è morto nella sala docce, e dopo aver risolto una serie di enigmi ed ucciso vari mostri, giunge nell'Otherworld dell'orfanotrofio, dove trova la forma demoniaca di Alessa, sua sorella. Si scopre che è stata Karen a uccidere gli orfani della struttura sotto l'influsso di Alessa, che cercava vendetta per la sua morte. Karen, sconvolta, dice di non aver mai avuto intenzione di uccidere qualcuno e che quindi la vera assassina è Alessa. La sorella si arrabbia e prova ad uccidere Karen, ma la donna vince lo scontro e fugge via dall'orfanotrofio.

Silent Hill: Orphan 2

Un uomo di nome Lucas si sveglia nell'Ospedale Brookhaven ma si accorge di aver perso la memoria. A un certo punto inizia a sentire la voce di Karen che gli dice che che "sta arrivando un uomo" e che "deve essere punito così il dolore scomparirà".

Dopo aver esplorato i corridoi della struttura con l'aiuto di Karen, si scopre che la donna sta provando a resuscitare gli orfani del massacro dell'orfanotrofio. Tuttavia, è riuscita a portare in vita solo Lucas, che rimane comunque molto debole. La donna gli dice di incontrarsi nel suo ufficio, ma durante la conversazione i due litigano e Lucas uccide Karen.

Successivamente, un uomo di nome Vincent si reca all'ospedale dopo aver ricevuto una lettera anonima da una persona che gli dice di "sapere la verità", chiedendogli inoltre di recarsi all'ospedale di Silent Hill. Dopo aver risolto vari enigmi, Vincent trova il corpo di Karen e poco dopo anche Lucas, che si è trasformato in un mostro. Lucas lo chiama "papà" e lo attacca, accusandolo di essere responsabile del suo dolore. Vincent, spaventato, uccide Lucas che scompare e gli lascia una chiave, che l'uomo utilizza per accedere a una stanza delle torture. All'interno, egli inizierà ad udire le voci degli orfani morti ma poco dopo perderà i sensi.

Silent Hill: Orphan 3

Vincent si sveglia nella villa dove Karen è nata e cresciuta prima di finire in orfanotrofio. Qui, la parte malvagia della donna ritorna sotto forma di mostro in cerca di vendetta, riportando in vita i mostri degli orfani morti nell'incendio.

Karenmonster

La versione mostruosa di Karen

Vincent si reca nella sala da pranzo della villa, dove viene attaccato da Karen che lo ferisce mortalmente. Successivamente, un'altra ragazza sopravvissuta al massacro di nome Emilie si risveglia nell'Otherworld della villa senza sapere come sia finita lì. Dopo aver sconfitto diversi mostri e risolto alcuni enigmi, Alessa le ordina di uccidersi usando un pugnale sacro trovato poco prima durante l'esplorazione. Emilie rifiuta, ed Alessa le dice che se non eseguirà i suoi ordini, Vincent non potrà ritornare in vita. Karen si rifiuta ancora, ma la donna le dice che quello è inoltre l'unico modo per fuggire da lì e impedire che altri facciano la sua stessa fine.

Durante il gioco, si scopre che Vincent riesce ad uccidere Karen sotto l'influsso di Alessa, e successivamente, che era lui il piromane che diede fuoco alla villa delle due: è per questo motivo che cercano disperatamente vendetta nei suoi confronti. Si scopre inoltre che Lucas è il figlio di Vincent, morto all'età di 5 anni, per questo motivo anche lui cerca di ucciderlo.

Alla fine del gioco, dopo aver eliminato la parte cattiva di Karen, Vincent viene colpito da un infarto e parla per l'ultima volta con Alessa prima di morire. La donna gli dice che ha massacrato gli innocenti dell'orfanotrofio per risvegliare il suo spirito.

Citazioni

  • "Sono Karen. Non so come sono arrivata qui... ma pare che sia intrappolata... nell'orfanotrofio in cui vivevo trent'anni fa...".
  • "Ricordi che da bambine parlavamo di fuggire da tutto ciò che era malvagio?... che avremmo trovato un posto tutto per noi".
  • "Mi sono presa cura di te. Nessuno l'ha mai fatto. Ti volevano morta!"
  • "Lui è la causa del nostro dolore, del tuo dolore! Ma se riusciamo a catturarlo, il dolore cesserà. Lo prometto!"

Curiosità

  • La personalità di Karen cambia considerevolmente da Orphan a Orphan 3. Nel primo titolo, infatti, la donna è un personaggio positivo, eroico e gentile, mentre negli altri capitoli, è crudele ed interessata soltanto ad avere vendetta.
  • Karen è l'unico personaggio della serie Orphan ad apparire in tutti e tre i giochi.
  • Karen è uno tra i pochi mostri della serie che sono coscienti e riescono a parlare. Gli altri sono Mary, il Twin Victim, i Detenuti, il BottomLeonard WolfMomma, il Guardiano dell'Acciaio, la Busta Insanguinata, Monocle Man, Alessa, Ben e LucasSad Daddy invece può parlare solo se appare con le sembianze umane.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.